Un sito web efficace? Come è fatto e perché è ancora importante (2019)

Chi deve iniziare a comunicare online o deve potenziare la propria presenza in internet spesso si pone alcune domande:

È davvero necessario avere un sito web?

Posso basare la mia comunicazione esclusivamente sui social?

Vediamo insieme quali sono i punti di forza di un sito web e perché è ancora essenziale per fare marketing.

Avere un sito web: perché è importante

Negli ultimi anni la comunicazione online si è estesa sempre di più sui social network, che hanno avuto un grande incremento di utenti. Solo facebook, nel 2018, ha avuto circa 1,5 miliardi di utenti attivi al giorno.

Nonostante una parte dei prodotti e dei servizi sia pubblicizzata e venduta tramite i social, il sito web è ancora lo strumento fondamentale per le aziende e i professionisti che vogliono comunicare online, raggiungere i propri clienti o altre aziende, vendere online, far conoscere la propria storia e i propri valori.

Il sito web per farsi trovare su Google

Ogni giorno vengono effettuate su Google circa 3.5 miliardi di ricerche. Solo questo dato è sufficiente per rendere indispensabile la presenza online della nostra attività. È nella quotidianità di tutti cercare la posizione di un negozio su Google maps, scrivere il nome di una società sul nostro smartphone per cercarne il numero di telefono, verificare le recensioni online di un hotel o di un ristorante prima di andarci di persona, fare acquisti su internet cercando su Google il prodotto che ci interessa.
Quasi sempre, queste azioni si concludono con l’utente che visita il sito internet dell’azienda o del professionista che si sta cercando.

Sito web versus social

Quali sono i punti di forza di un sito web ben strutturato?

  • Uno spazio online proprietario
    A differenza dei social, dove aziende e professionisti devono aprire le proprie pagine come “ospiti” e adeguarsi alla grafica e alle funzionalità di quella piattaforma, il sito web aziendale è uno spazio online di cui l’azienda è proprietaria e che ha tutti gli elementi dell’identità visiva dell’azienda:

    • l’azienda può curarne l’aspetto grafico, adeguandolo all’immagine identificativa del brand;
    • può inserire funzionalità personalizzate per raggiungere obiettivi di marketing: e-commerce, moduli di contatto, elementi per il posizionamento sui motori di ricerca con keywords specifiche
  • Rafforzare  brand awareness e autorevolezza
    Un’attività con un sito proprietario comunica un’immagine di sé più autorevole, che non ha paura di mostrarsi, che vuole trasmettere i contenuti, storia e valori al pubblico.
  • Libertà di pubblicazione dei contenuti
    Sui social i contenuti devono rispettare alcune regole, che variano a seconda della piattaforma, e che spesso limitano la libertà di pubblicare un messaggio o presentare un prodotto come vorremmo. Ad esempio, Twitter impone un limite di 240 caratteri per i post e Instagram presenta le fotografie in formato quadrato.
    Sul nostro sito web siamo noi a decidere le regole di pubblicazione, il formato, la grafica e la quantità di testo, i nostri contenuti sono sempre visibili senza che vengano oscurati da altri concorrenti.
  • Ordinare prodotti e servizi in un albero di navigazione
    A differenza dei social network, che sono sviluppati per essere usati da milioni di utenti diversi, sul sito possiamo impostare una nostra struttura personalizzata. I contenuti possono essere divisi secondo un’albero di navigazione studiato per rendere ottimale la navigazione e per far risultare maggiormente gli elementi più importanti.
  • Far apparire il nostro sito tra i risultati di ricerca
    I contenuti che inseriamo sui social non migliorano il posizionamento del nostro brand tra i risultati di un motore di ricerca. Sul sito, invece, possiamo agire sul testo e sul codice, puntando su particolari parole chiave e rispettando tutte le regole SEO per essere più facilmente trovati durante una ricerca online.

Sito web efficace? Come?

1. Utilizzare una piattaforma CMS

Sito web: meglio con un CMSSviluppare il sito su un CMS (Content Management System) permette l’aggiornamento successivo dei contenuti in modo semplice e intuitivo, senza possedere conoscenze approfondite di codice o di sviluppo. Inoltre i CMS più comuni come WordPress o Joomla consentono l’installazione di plugin (componenti aggiuntivi) per implementare nuove funzioni specifiche, a seconda delle risposte che il nostro sito deve fornire ai visitatori.

2. Architettura del sito intuitiva

Per offrire una buona usabilità e consentire una navigazione comoda. I visitatori dovrebbero riuscire a trovare i contenuti che desiderano con il minor numero di click possibile. Il sito deve presentare un albero di navigazione chiaro, studiato in fase di progettazione; eventuali sidebar laterali (soprattutto quando si presentano molti contenuti o una suddivisione in varie sezioni); la topbar, ovvero la barra sopra il menu in cui inserire i collegamenti più immediati come newsletter e canali social; un footer in cui sintetizzare le informazioni di contatto e gli obblighi di legge (privacy policy, cookie policy, eventuali certificati di qualità).

3. Un dominio facile da ricordare

Sito web: meglio scegliere un nome efficace
Per il sito web è meglio non usare domini come “ilmigliorehotelperletuevacanze.it”. Il dominio deve indicare il nome del brand o il cognome della persona e la sua professione ed essere immediatamente riconoscibile e facilmente memorizzabile: quindi deve essere non troppo lungo e con una terminologia piuttosto semplice.

4. Il sito web: responsive per forza!

Sito web: il design deve essere responsiveOggi quasi due terzi delle visite di un sito avvengono tramite smartphone o tablet. È essenziale che il sito internet sia responsive, ovvero in grado di adattarsi allo schermo su cui viene consultato.

5. Un sito web ottimizzato per la SEO: così ci si fa trovare

È fondamentale che il sito web sia progettato e amministrato sempre puntando al suo posizionamento sui motori di ricerca.
Altrimenti il sito sarà visibile come una goccia in mezzo all’oceano
SEO in-site, content strategy, link building sono solo alcune degli elementi che è necessario curare per ottenere un buon posizionamento, costante e duraturo.

Perché affidarsi a una web agency

Nonostante ci siano molte piattaforme e molti sistemi intuitivi per creare siti “fai da te”, un sito sviluppato in casa non ha le stesse potenzialità e la stessa qualità di un sito sviluppato da professionisti. Una web agency, infatti, è composta da esperti che si sono specializzati nelle diverse mansioni: dalla grafica allo sviluppo del codice, dalla scrittura di testi ottimizzati per il web e SEO alle campagne pubblicitarie, fino al marketing online. Ognuna di queste aree di competenza concorre a formare un sito web completo e funzionale. Ovviamente, una singola persona che voglia sviluppare autonomamente un sito internet  svolgendo un altro lavoro e coltivando altre passioni, non potrà mai avere tutte le competenze e le conoscenze necessarie per creare un sito web efficace per la propria impresa o la propria professione.

Di cosa si occupa la web agency

Una società ben strutturata è in grado di fornire siti web di qualità, che siano integrati con gli altri strumenti di comunicazione online (newsletter, ecommerce, social network, forum) e completi in ogni caratteristica, come:

  1. Il web design e l’aspetto grafico
    Un sito ottiene risultati migliori se è ben strutturato e se presenta una veste grafica curata e professionale, in grado di catturare l’attenzione e l’interesse degli utenti. Sui siti le foto devono essere belle, inserite nelle posizioni corrette in modo da rendere le pagine web accattivanti senza disturbare la lettura. In genere il colore predominante è il bianco, mentre gli elementi come menu e sidebar sono organizzate in modo rendere più accessibile e usabile il sito, disponendosi automaticamente in caso di sito mobile (responsive).
  2. Contenuti e SEO
    Il professionista della web agency che si occupa dei testi deve necessariamente avere conoscenze di SEO (Search engine optimization), che gli consentano di strutturare le pagine con tutte le keyword più importanti. I contenuti devono essere chiari e precisi. Il linguaggio utilizzato deve essere comprensibile, con termini tecnici o gergali solo se necessari, ed eventualmente corredati da una breve spiegazione.
  3. Promozione.
    Per pubblicizzare un sito, in particolare se appena pubblicato, bisogna investire in campagne (ad esempio su Google, ma anche sui social network. Le campagne sono utili anche per promuovere online singoli servizi o prodotti, definendo il target in modo più preciso e mirato
  4. Strategia di comunicazioe
    Quello che non può fare una singola persona, senza competenze precise, è elaborare una strategia di comunicazione e marketing online. Un sito, se non viene incluso in una pianificazione più complessa (aggiornamenti continuativi, divulgazione dei contenuti, promozione di alcune sezioni) resta solo un mero contenitore, che rischia di non essere visitato o di presentare contenuti obsoleti, facendo perdere di credibilità anche il brand.

Leave a reply:

Your email address will not be published.

Site Footer

echo arte e comunicazione | www.echo.pv.it | cookie policy | privacy policy